Home | Notizie | Riorientare lo sviluppo: la transizione amministrativa premessa per la ripresa
22 Giugno 2021

Riorientare lo sviluppo: la transizione amministrativa premessa per la ripresa

Nella giornata di apertura del FORUM PA 2021, durante il primo dei cinque scenari in programma, “Riorientare lo sviluppo: la transizione amministrativa premessa per la ripresa" - svoltosi il 21 giugno dalle 14:00 alle 18:00 - è stato affrontato il ruolo della Pubblica Amministrazione per la ripartenza del Paese.

Il focus ha visto la partecipazione del Ministro per la Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, della Commissaria europea per la Coesione e le RiformeElisa Ferreira, del Capo Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Mauro Minenna, dell'Amministratore Unico di PagoPA, Giuseppe Virgone, che hanno raccontato come la Pubblica Amministrazione - vero motore della ripresa - sta affrontando nuove sfide e opportunità offerte dal PNRR.

L’intervento di apertura del Ministro per la Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, ha fotografato lo scenario economico e sociale nazionale e internazionale con una riflessione sui cambiamenti che hanno impattato gli equilibri europei e mondiali a seguito della pandemia. 

L’attuale periodo storico, dove oggi l’Europa rappresenta un catalizzatore di crescita, di sviluppo e soprattutto di riforme, nonostante gli eventi critici, si configura come un’occasione unica e irripetibile per l’Italia.

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza può davvero essere l'opportunità per ripensare e rinnovare il settore pubblico, ma affinché questo avvenga è necessaria una nuova PA per realizzare le missioni previste, connettendo i soggetti dell'innovazione, instaurando un dialogo continuo tra centro e periferia, mettendo a sistema le migliori esperienze già realizzate. 

Lo scenario relativo alle prospettive di rinnovamento del Pubblico, è stato ripreso poi anche da Elisa Ferreira, Commissaria europea per la Coesione e le Riforme

Nel suo intervento la Commissaria ha sottolineato che la Pubblica Amministrazione non deve prescindere dalla qualità per contribuire alla realizzazione della coesione sociale e territoriale, elemento necessario per raggiungere un’Europa sostenibile, equa e giusta per cittadini e imprese. 

Per le nuove sfide - come il cambiamento tecnologico, demografico, ecologico, delle competenze - saranno necessarie Pubbliche Amministrazioni competenti, resilienti, professionali e affidabili, in grado di assicurare una gestione trasparente delle finanze pubbliche. 

In questo contesto, un tema centrale evidenziato dalla pandemia, è quello di una PA sempre più digitalizzata che anticipi le necessità dei cittadini.
La Commissaria ha quindi ricordato gli strumenti messi a punto dalla Commissione Europea in questi anni e in particolare il documento “Supporting public administrations in EU Member States to deliver reforms and prepare for the future” pubblicato il 29 aprile scorso.

Durante il talk si è analizzato anche il “nuovo alfabeto per la pubblica amministrazione”, ovvero gli assi sui quali si punta per rinnovare la macchina Pubblica e restituire dignità, orgoglio, autorevolezza e valore alla comunità di 3,2 milioni di donne e uomini che hanno servito e servono il Paese nel quotidiano:

  • A come Accesso
  • B come Buona amministrazione
  • C come Capitale umano 
  • D come Digitalizzazione
  • G come Governance

Le risorse del PNRR permetteranno di investire nel miglioramento della capacità amministrativa delle Amministrazioni centrali e locali con cifre significative e investimenti mirati con l’obiettivo di ridisegnare la Pubblica Amministrazione in funzione delle sfide che l’attendono.