POR FESR Marche 2014-2020: bando per servizi in Cloud per business continuity e per favorire lo Smart working nelle PPAA del territorio

Pubblicato il
11 Settembre 2020

 

Nell’ambito del Programma Operativo Regionale – FESR 2014-2020, la Regione Marche ha approvato il Bando di accesso a favore dei Comuni per la realizzazione e il dispiegamento di infrastrutture cloud. L’intervento si colloca nell’ambito dell’Asse 2 - OS 6 - Azione 6.2, Intervento 6.2.1B “Azioni a supporto dell’integrazione dei sistemi della PA locale per la gestione dei servizi di E-Government”. 

L'azione mira a perseguire tre obiettivi distinti: 

  1. supportare le Pubbliche Amministrazioni regionali a mettere in sicurezza i dati e il patrimonio dei servizi;

  2. consolidare i CED (Centri Elaborazione Dati) delle PPAA del territorio presso le infrastrutture della Regione Marche;

  3. favorire lo sviluppo e il consolidamento dello Smart Working nelle PPAA del territorio regionale, erogando servizi di back office in modalità cloud.  

Per la realizzazione del bando è stato stanziato un importo di € 400.000 e i Comuni interessati a partecipare potranno presentare domanda entro le 13.00 del 28 settembre tramite il portale Sigef

Gli Enti potranno partecipare in forma singola e presentare una sola domanda di ammissione e  il costo dei singoli progetti presentati non dovrà essere inferiore a € 5.000.

L'intervento si inserisce nell’ambito del Progetto Elaastic che, secondo le indicazioni AgID, individua l’insieme di risorse Cloud e delle facilities necessarie a servizio degli Enti Locali della Regione Marche.

 

I progetti saranno valutati da una Commissione appositamente istituita formata da funzionari regionali esperti in materia,  in base ai criteri di:

  • qualità: ovvero la validità dell’approccio e innovatività della proposta;

  • efficacia del progetto: ovvero la massimizzazione del numero di imprese/cittadini potenzialmente interessati ai nuovi servizi, numero di servizi che il singolo ente proponente potrà gestire sulle piattaforme regionali.

 

Consulta la documentazione sul sito della Regione Marche