Home | Comitato di Pilotaggio | Catalogo delle Esperienze OT11-OT2 | Progettazione e Monitoraggio Interventi Evolutivi sul sistema di gestione delle politiche abitative

Progettazione e Monitoraggio Interventi Evolutivi sul sistema di gestione delle politiche abitative

Esperienza pubblicata il: 03/04/2020
Visualizzazioni: 104

PUSH - Puglia Social Housing

 

La finalità a cui fa riferimento la presente esperienza nasce dall'esigenza di estendere i servizi digitali realizzati nel sistema PUSH (Puglia Social Housing), realizzato nei precedenti cicli di programmazione, a supporto della raccolta, accesso, consultazione, gestione e monitoraggio dei dati socio-economici relativi alla popolazione residente negli alloggi ERP, con l'obiettivo di completare la banca dati esistente anche per la parte riguardante l'anagrafe dell'inquilinato, al fine di fornire nuovi strumenti di misurazione e valutazione del disagio abitativo esistente sul territorio regionale.

L'idea progettuale è quella di effettuare la sperimentazione della piattaforma PUSH, finalizzata al miglioramento dei processi organizzativi e di utilizzo del sistema nonché sulla valorizzazione della banca dati gestita dal sistema PUSH, con alcuni enti del territorio pugliese (Agenzie Regionali per la Casa e l'Abitare - ARCA - e un numero ristretto di Comuni).

Gli obiettivi del progetto richiesti agli enti sperimentatori sono:

  • popolamento della Banca Dati;
  • test funzionale e dei nuovi protocolli di colloquio via web;
  • cruscotto direzionale.
Motivazione e obiettivi: 

 

In tema di politiche abitative, la Regione Puglia con la Legge n.20 del 30 dicembre 2005 istituiva presso la Sezione Politiche Abitative regionale (di seguito Sezione), l'Osservatorio Regionale per la Casa e l'Abitare: nell'art.13 comma 6 si specificava che l'Osservatorio era preposto alla raccolta di conoscenze sistematiche sulla condizione abitativa, all'analisi delle situazioni di disagio abitativo, al monitoraggio e alla valutazione dell'attuazione di programmi riguardanti l'Edilizia Residenziale Pubblica (di seguito ERP), allo scopo di formulare proposte mirate alla realizzazione di una più efficace politica abitativa regionale.

Il comma 7 inoltre attribuiva all'Osservatorio anche compiti di diffusione di dati e di analisi, per promuovere lo scambio e l'integrazione di conoscenze sull'edilizia sociale e le politiche abitative tra le forze politiche, sociali, professionali e imprenditoriali. In definitiva, l'Osservatorio nasceva con la finalità di realizzare uno strumento conoscitivo, sistematico e permanente a sostegno della costruzione e verifica delle politiche abitative, in grado di affiancare e sostenere i processi decisionali e la programmazione regionale degli interventi.

La Legge Regionale n.22 del 20/05/2014 "Riordino delle funzioni amministrative in materia di edilizia residenziale pubblica e sociale e riforma degli enti regionali operanti nel settore", ispirata ai principi di efficacia, efficienza ed economicità dell'azione amministrativa, intendeva migliorare le prestazioni e ridurre i costi delle funzioni attribuite agli Istituti Autonomi Case Popolari (IACP), trasformandoli in Agenzie Regionali per la Casa e l'Abitare (ARCA), pur nel rispetto delle loro autonomie. La nuova legge prevedeva la costituzione di un Centro regionale di servizio per le agenzie (CReSA) per il coordinamento di tutti i servizi al fine di uniformare e armonizzare le procedure in atto, in particolare per:

  1. la determinazione e riscossione dei canoni di locazione e di riscatto;
  2. la gestione dell'anagrafe dell'utenza;
  3. la gestione dell'anagrafe degli appalti;
  4. la tenuta dell'inventario del patrimonio regionale.

Il CReSA, con sede presso l'ARCA del capoluogo regionale doveva assicurare servizi ad un costo ridotto rispetto a quelli che le singole agenzie avrebbero dovuto sostenere per l'assolvimento delle medesime attività.

Agli inizi del 2015, a causa del notevole aumento dei volumi dei dati da trattare rispetto al personale in organico, e dell'indisponibilità di adeguati strumenti di supporto, nasceva l'idea progettuale di realizzare e sperimentare un sistema info-telematico in grado di integrare, promuovere ed estendere i servizi a supporto dell'acquisizione e raccolta delle conoscenze sistematiche sulle condizioni e i fabbisogni abitativi del territorio regionale.

L'azione progettuale intendeva conseguire i seguenti obiettivi:

  • Riorganizzare i processi interni di lavorazione, i protocolli di comunicazione e le modalità di interfacciamento con tutti i soggetti territoriali coinvolti (ARCA, Comuni, ecc.) attraverso l'utilizzo delle tecnologie dell’informazione e comunicazione, al fine di semplificare e favorire la condivisione delle informazioni e delle banche dati e la collaborazione tra la Sezione e le ARCA;
  • Ridurre i flussi cartacei tra la Sezione e i soggetti territoriali coinvolti (ARCA, Comuni, ecc.), oltre che con i Cittadini beneficiari dei contributi pubblici per interventi di ERP agevolata;
  • Creare nuove banche dati standardizzate, centralizzate, condivise e costantemente aggiornate in tema di ERP;
  • Creare un "Cruscotto Direzionale" per il monitoraggio fisico e finanziario degli interventi ERP, il supporto alla programmazione e attuazione delle politiche abitative regionali, il patrimonio di alloggi di ERP, la localizzazione degli interventi di manutenzione e recupero del patrimonio esistente.
Attività: 

 

Le attività su elencate sono state eseguite con l'obiettivo di valutare in corso d'opera le criticità che dovessero essere rilevate dagli Enti utilizzatori del sistema.
Per esempio è emerso che la Sezione regionale competente, le ARCA e i Comuni hanno manifestato la loro indisponibilità a trattare il tema "anagrafe inquilinato", in considerazione anche del fatto che l'argomento risultava particolarmente complesso alla luce del nuovo quadro normativo sul trattamento dei dati personali (Regolamento UE 679/2016, D.Lgs.n.101/2018).
Pertanto le attività si sono focalizzate sul supporto consulenziale al personale regionale nella analisi e valutazione dei problemi emersi durante la sperimentazione dei servizi, per l’individuazione e implementazione delle azioni correttive sui processi informatizzati. Inoltre, è stato fornito tutto il supporto tecnico al Direttore regionale dell’esecuzione del contratto in essere per la gestione del passaggio di consegne dal vecchio al nuovo fornitore, fase in cui si è rilevata un'altra criticità dovuta alla forte sovrapposizione delle attività in corso rispetto alle nuove, per cui l'impegno richiesto per consolidare quanto già realizzato costituiva un forte impedimento a trattare una qualsiasi evoluzione dei servizi in essere.

Destinatari: 

 

Sono stati individuati i seguenti destinatari:

  • 5 ARCA (Puglia Centrale, Capitanata, Nord Salento, Sud Salento, Jonica)
  • 8 COMUNI (Bari, Foggia, Lecce, Brindisi, Taranto, Andria, Alliste, Sannicandro)

I criteri di selezione degli enti pilota sono stati i seguenti:

  • Livello di interazione con la Sezione Politiche Abitative
  • Livello di coinvolgimento nelle diverse procedure
  • Dimensione delle banche dati di proprietà e/o gestite
  • Livello di automazione ed innovazione tecnologica
  • Dislocazione geografica nella Regione Puglia
  • Reattività all'innovazione
  • Propositività
  • Vantaggi derivanti dal processo partecipativo e dalla condivisione di scelte strategiche ed informative

La Regione Puglia risulta anch'essa destinataria delle azioni progettuali in quanto soggetto erogatore delle politiche di settore.

Modalità di selezione e attuazione dell’esperienza progettuale: 
  • Affidamento in house
Soggetti coinvolti per l'elaborazione e la realizzazione: 

   

  • Regione Puglia
    Dipartimento Mobilità, Qualità urbana, Opere pubbliche, Ecologia e Paesaggio
    Sezione Politiche Abitative
    Analisi delle esigenze
  • InnovaPuglia S.p.A. - Società in house della Regione Puglia
    Progettazione dell’intervento, Monitoraggio esecuzione lavori, Collaudo, Assistenza utente
Gruppo di lavoro: 
Composizione gruppo di lavoro: 
  • Personale interno all'ente/agli enti appartenente ad una medesima unità organizzativa
Principali output realizzati dall'esperienza: 

 

L’esperienza ha prodotto il consolidamento delle funzionalità del sistema PUSH e il raffinamento dei  meccanismi di interscambio tra la piattaforma regionale e i sistemi gestiti dagli Enti preposti alla gestione diretta dell’Edilizia Residenziale Pubblica (Comuni e ARCA), rendendo disponibile una piattaforma in grado di gestire una banca dati regionale sul patrimonio immobiliare ERP e sugli interventi attuativi ad esso afferenti (finanziamenti, piani di vendita, bandi concessione contributi per costruzione  o recupero alloggi, ecc.).

Risultati attesi: 

 

L’azione progettuale si prefiggeva l’obiettivo di far evolvere le funzionalità del sistema PUSH attraverso il completamento della banca dati regionale con le informazioni socio-economiche degli assegnatari degli alloggi ERP e dei relativi nuclei familiari (anagrafe inquilinato), al fine di realizzare uno strumento di supporto per l’analisi e valutazione del disagio abitativo esistente sul territorio regionale. L’indisponibilità degli stakeholder a trattare un argomento così delicato alla luce delle recenti normative in tema di privacy, la necessità di assestare le funzionalità del sistema PUSH prima di avviare qualsiasi sua evoluzione, e infine la gestione dell’affidamento del sistema PUSH ad un nuovo fornitore, hanno di fatto costituito un reale impedimento per il raggiungimento dei risultati attesi. Ciò premesso, si prevede di perseguire l’obiettivo su citato tramite l’azione di Follow-up prevista nel Programma “Puglia Digitale” (Deliberazione della Giunta Regionale n. 179 del 17/02/2020, scheda Intervento “Ecosistema Procedimenti Amministrativi”)

Risultati raggiunti: 

 

I risultati raggiunti, in considerazione a quanto su descritto, comprendono, oltre alla piattaforma, soprattutto una esperienza critica nel rapporto con gli Enti target dell’azione progettuale.

Punti di forza: 

 

Una piattaforma disponibile, frutto dei precedenti progetti, in grado di supportare i servizi previsti e di cui è stata curata l'evoluzione.

Principali criticità: 

 

Mancata disponibilità dei soggetti interessati dall'azione progettuale a discutere il nuovo e delicato tema dell'anagrafe dell'inquilinato, a causa dell'impegno richiesto per il consolidamento dei servizi digitali già realizzati.

Durante la sperimentazione della piattaforma gli enti pilota dimostrano una resistenza generalizzata all'innovazione procedurale e soprattutto alla standardizzazione dei processi e alla trasmissione delle informazioni. Il popolamento della banca dati patrimoniale richiede un necessario adeguamento e strutturazione dei dati posseduti a livello locale dalle PA, che invece mostrano spesso una destrutturazione e distribuzione dei dati stessi tra più uffici, disomogeneità, incoerenze e incompletezze, che vanno risolte propedeuticamente a livello interno e locale, prima di predisporre i dati conformemente ai tracciati ed alle specifiche tecniche, richieste dal sistema PUSH.
I benefici attesi sono rappresentati dalla possibilità di conoscere il patrimonio pubblico regionale, geolocalizzarlo, monitorarne lo stato manutentivo e il livello di degrado, con la finalità di distribuire in maniera opportuna i finanziamenti pubblici, migliorare l'offerta di alloggi ERP e ridurre il disagio sociale, attraverso procedure più efficienti e performanti, basate sulle tecnologie infotelematiche.

Lezioni: 

 

Coinvolgimento delle strutture regionali e degli stakeholder sin dalla fase di programmazione delle azioni progettuali in modo da valutare preventivamente la fattibilità degli interventi proposti.

Trasferibilità: 

   

  • Documentazione progettuale
  • Software realizzato
  • Descrizione delle criticità
Supporto: 
  • Testimonial/relatore nell’ambito di seminari o laboratori per scambio di esperienze
Modalità di scambio attivabili
Seminari e Laboratori
Per ottenere maggiori informazioni sulle modalità di trasferimento di questa esperienza o per essere messi in contatto con i referenti

Compila il form per ottenere maggiori informazioni e chiedere di partecipare a seminari, webinar informativi, laboratori o attività di coaching.

Ho letto l'informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati nei termini di quanto ivi contenuto.
Catalogo delle Esperienze OT11-OT2
> Regione Sardegna
Ecosistemi
Servizi digitali
> Regione Sardegna
Ecosistemi
Servizi digitali
> Regione Puglia
Ecosistemi
Riorganizzazione dei processi e dei servizi
> Regione Liguria
Ecosistemi
> Regione Toscana
Qualità dei servizi e delle prestazioni
Riorganizzazione dei processi e dei servizi
> Regione Liguria
Ecosistemi
Semplificazione delle procedure