Home | Comitato di Pilotaggio | Catalogo delle Esperienze OT11-OT2 | Modello Unico Digitale per l’Edilizia della Regione Abruzzo

Modello Unico Digitale per l’Edilizia della Regione Abruzzo

Esperienza pubblicata il: 24/02/2020
Visualizzazioni: 803

 

AI fine di indirizzare, uniformare e standardizzare su tutto il territorio regionale le attività degli uffici delle strutture comunali, provinciali e regionali competenti in materia sismica, coerentemente alla legislazione statale e a quanto previsto nel Testo Unico per l'Edilizia, la Regione Abruzzo, con la L.R. n. 28/2011, ha introdotto una serie di norme per la riduzione del rischio sismico e modalità di vigilanza e controllo su opere e costruzioni in zone sismiche.

In applicazione della nuova normativa sismica della Regione Abruzzo (Legge Regionale 11 agosto 2011, n. 28 - "Norme per la riduzione del rischio sismico e modalità di vigilanza e controllo su opere e costruzioni in zone sismiche") tale sistema costituisce il supporto tecnologico a tutte le strutture comunali, provinciali e regionali competenti in materia per la gestione telematica delle pratiche sismiche (SUAP, SUE e Geni Civili Provinciali).

Motivazione e obiettivi: 

 

La Regione Abruzzo, con ingenti investimenti su servizi infrastrutturali, applicativi e di rete ha privilegiato negli ultimi anni l’implementazione e l’attivazione di servizi applicativi rivolti ad Amministrazioni Pubbliche locali, imprese e cittadini, erogati dai Centri Tecnici Federati Regionali in logica CLOUD adottando una modalità di gestione che semplifica l’adozione delle migliori soluzioni tecnologiche e garantisce al tempo stesso uniformità di accesso, di utilizzo e livelli di qualità e di performance adeguati su tutto il territorio regionale.

Nello scenario di dare continuità agli interventi avviati in materia di e-government è stata individuata la necessità, già dal 2016, di dotarsi di un modello unico informatico online per la presentazione delle pratiche edilizie private agli uffici tecnici ed agli Sportelli Unici dell’Edilizia da parte del professionista o del soggetto aventi titolo con lo scopo di dare maggiore impulso alla semplificazione amministrativa, alla dematerializzazione dei documenti, dare maggiore circolarità informativa e di conoscenza fra le PA, i cittadini, i professionisti e le imprese, di favorire l'attuazione del federalismo fiscale e di unificare il processo edilizio e catastale.

Il dispiegamento sul territorio regionale delle piattaforme vedeva, nel 2019, due architetture distinte:

SUAP
Ogni singolo SUAP partecipante al progetto ha un portale pubblico che fornisce informazioni a cittadini, professionisti ed imprese in ambito SUAP e un’area riservata dove ogni singolo individuo può presentare le sue pratiche, vedere lo stato di avanzamento delle pratiche presentate ed interagire con l’amministrazione attraverso integrazioni documentali, rilascio di atti ed altri tipi di comunicazioni.
Il limite di questa architettura è che ogni singolo ente è autonomo nella gestione dei contenuti per cui sul territorio sono potenzialmente pubblicati livelli di servizio disomogenei. Oltretutto la soluzione SUAP non è stata adottata, come era previsto dal progetto iniziale, da tutti i SUAP della Regione aumentando di fatto la disomogeneità sul livello di servizi e sulle modalità di interazione con l’utente.

MUDE
La piattaforma MUDE (per i servizi SUE) è stata di fatto utilizzata per i servizi On Line e di Back-Office del Genio Civile.
Il limite di questa architettura è dovuto al fatto che il Genio Civile pubblica, attraverso il portale della piattaforma, informazioni, contenuti e servizi On Line che dovrebbero essere presenti nei portali SUAP e SUE. Questa organizzazione è stata necessaria perché i portali SUAP sono disomogenei ed i portali SUE spesso non esistono.

Analizzati i limiti e le criticità dell’architettura e dei relativi servizi applicativi è nata l’esigenza di avere dei servizi omogenei da fornire a cittadini, professionisti ed imprese di tutto il territorio regionale.

Il primo obiettivo del progetto è stato quindi ad ampliare i servizi relativi ad attività produttive (SUAP) ed edilizia privata (SUE) e, considerato che la modulistica relativa all’edilizia è la stessa sia per le attività produttive che per l’ambito privato, si è deciso di istituire lo sportello SUAPE: un unico portale in grado di fornire informazioni e servizi sia per le aziende che per i cittadini. Il portale del SUAPE è di carattere regionale ed al suo interno prevede la possibilità di dare spazio ad eventuali localizzazioni/personalizzazioni che possono essere previste per ogni singolo ente.

Il secondo obiettivo è quello di integrare in un unico servizio e strumento l’interoperabilità e la presentazione delle informazioni (dei procedimenti) tra il canale SUAPE ed il canale MUDE.

Come risultato, quindi, si è puntato a massimizzare la semplificazione. Infatti non è più chiesta la documentazione che l’amministrazione ha già, in quanto sarà sufficiente una semplice autocertificazione o l'indicazione degli elementi che consentano all'Amministrazione di reperire la documentazione ed il processo di razionalizzazione della modulistica permette di ridurre il numero di allegati o modelli da compilare che, associato alla dematerializzazione delle istanze, favorisce la semplificazione amministrativa, contribuisce a ridurre i tempi di istruttoria e promuove la circolarità delle informazioni.

La condivisione del procedimento edilizio, a sua volta, sostiene e rafforza gli obiettivi finora indicati, facilitando l’attività svolta dai professionisti nel rapporto con le diverse realtà territoriali e favorendo l’interscambio di idee, criteri e metodi proposti all’interno del procedimento seguito dalle PA locali.

Risulta determinante evidenziare che gli interventi in zone sismiche non possono prescindere da specifiche autorizzazioni rilasciate dagli organi competenti. Al fine di indirizzare, uniformare e standardizzare su tutto il territorio regionale le attività degli uffici delle strutture comunali, provinciali e regionali competenti in materia sismica, coerentemente alla legislazione statale ed a quanto previsto nel Testo Unico per l’Edilizia (D.P.R. 380 del 6 giugno 2001), la Regione Abruzzo con la L.R. n. 28/2011 “Norme per la riduzione del rischio sismico e modalità di vigilanza e controllo su opere e costruzioni in zone sismiche” ha introdotto una serie di norme per la riduzione del rischio sismico e modalità di vigilanza e controllo su opere e costruzioni in zone sismiche.

La Legge Regionale, in particolare, prevede una serie di interventi di coordinamento e supporto nei confronti degli Enti Locali e, appunto, lo sviluppo di un sistema informativo integrato che costituisca il supporto tecnologico alla gestione informatica delle pratiche sismiche e la predisposizione di una banche dati coerente a livello regionale.

La gestione efficace delle pratiche sismiche non può prescindere dalla completa informatizzazione delle procedure in capo agli Sportelli Unici per l’Edilizia ed Uffici Tecnici comunali che accolgono le istanze per l’avvio di interventi edilizi e di quelle in capo agli Uffici provinciali del Genio Civile responsabili del rilascio delle autorizzazioni sismiche necessarie.

Attività: 

    

  • A01 - Analisi preliminare dell’infrastruttura elaborativa e applicativa della soluzione R.A.Ri. SUAP;
  • A02 - Consulenza ed Analisi:
    - A02.1 - Studio per l’adozione e la customizzazione della piattaforma procedimentale per la gestione telematica delle pratiche edilizie in conformità alla normativa sismica regionale, ai requisiti e agli standard del SUE e del MUDE;
    - A02.2 - Strutturazione della banca dati dei procedimenti e digitalizzazione della relativa modulistica di front-office, endoprocedimentale e back-office (lettere, documenti autorizzativi, verbali, ecc.) finalizzati alla caratterizzazione completa delle tipologie di pratiche gestite dal sistema, con particolare riferimento a quelle inerenti l’autorizzazione sismica;
  • A03 - Customizzazione/Sviluppo ed integrazione:
    - A03.1 - Consulenza tecnico-normativa per l’implementazione di componenti applicativi e funzionali specifici per il SUE/Autorizzazione sismica;
    - A03.2 - Progettazione ed implementazione delle nuove componenti applicative/funzionali di front-office e di back-office del SUE basate sulla piattaforma R.A.Ri. SUAP non previste, né configurabili nella piattaforma implementata originariamente per il SUAP (adeguamento alle specifiche e standard MUDE, gestione dei procedimenti ed endo-procedimenti specifici del SUE) “Gestione commissioni edilizia”, “Gestione oneri collegati all’edilizia”, “Gestione autorizzazione sismica”, ecc.;
    - A03.3 - Sviluppo dei servizi di integrazione ed interoperabilità per sistema dei pagamenti elettronici ed i sistemi informativi territoriali comunali, con particolare riferimento all’accesso dei servizi attraverso l’autenticazione basata su SPID;
  • A04 - Servizi sistemistici di installazione e rilascio delle nuove funzionalità di base nel centro tecnico federato della Regione Abruzzo;
  • A05 - Configurazione e messa in esercizio:
    - A05.1 - Configurazione del sistema e dei diversi ambiti operativi (Comuni, Uffici provinciali del Genio Civile, ASL, ecc.);
    - A05.2 - Personalizzazione della banca dati dei procedimenti e della relativa modulistica per i SUE comunali;
  • A06 - Manutenzione ed assistenza;
  • A07 - Servizio di help desk;
  • A08 - Formazione ed addestramento: accompagnamento all’avvio dei servizi SUE da parte delle amministrazioni interessate al progetto (Regione, Comuni, Geni Civili Provinciali, ecc.).
  • A09 - Comunicazione.
Cronogramma: 
PDF icon Cronoprogramma MUDE
Destinatari: 

 

Con tale linea di intervento si è inteso rispondere, in maniera ancora più puntuale alle attese ingenerate dai numerosi progetti di e-government avviati, concentrando gli sforzi su una innovazione che veda nei cittadini e nelle imprese i diretti beneficiari del cambiamento e completando i pregressi investimenti relativi alle componenti tecnologiche.
I Comuni partecipanti al progetto sono gli altri destinatari.

Modalità di selezione e attuazione dell’esperienza progettuale: 
  • Ricorso a convenzioni CONSIP
Soggetti coinvolti per l'elaborazione e la realizzazione: 

     

  • Regione Abruzzo - Servizio Sistema Informativo Regionale e Rivoluzione Pubblica Amministrazione
  • ARIC - Agenzia Regione Infornatica e Committenza
Collaborazioni: 

    

  • Servizi Geni Civile della Regione Abruzzo (Chieti-Teramo-L'Aquila)
  • Ordine degli ingegneri e degli architetti
Principali output realizzati dall'esperienza: 

 

Grazie ad opportuni interventi specialistici previsti nell’ambito del presente progetto, la piattaforma procedimentale ha informatizzato i principali procedimenti ed endo-procedimenti del SUE. Sono state previste e configurate tutte le funzionalità di front-office e di back-office che garantiscono uniformità di gestione dei procedimenti da parte degli uffici preposti, servizi più efficienti ed integrati tra procedimenti in capo a diversi enti competenti e il migliore livello di servizio agli utenti.

Risultati attesi: 

 

Relativamente alla gestione delle procedure di autorizzazioni sismica l’implementazione e configurazione della piattaforma procedimentale ha recepito quanto previsto dalla L.R. n. 28/2011 e dal Tavolo Tecnico di Coordinamento tra le quattro Province abruzzesi.

Risultati raggiunti: 

 

Il sistema ha implementato tutte le funzionalità di front-office e di back-office.

Il front-office ha reso disponibile agli utenti tutta la documentazione necessaria (normativa, modulistica, procedure) alla presentazione delle istanze. Il front-office consente la presentazione online di una nuova istanza, il controllo del relativo stato di avanzamento la comunicazione diretta ed indiretta tra l’utente e la PA per l’invio di notifiche, avvisi, ecc. anche tramite PEC.

Gli utenti del front-office (che sono più di 3.000 professionisti/cittadini) operano tramite rete internet, in modalità WEB, senza che sia necessario installare nessuna procedura client e/o plug-in.

Il back-office supporta gli operatori nella acquisizione delle pratiche (assegnazione di un codice unico di riferimento alla pratica se non presente il protocollo automatico), e nella gestione amministrativa (protocollazione, assegnazione RUP, calcolo giorni di giacenza, avviso di scadenza termini), nella verifica della completezza documentale e nella analisi statistiche sulle informazioni digitalizzate. Ove previsto, come nel caso delle pratiche sismiche trasmesse dal SUE agli Uffici provinciali del Genio Civile, le istanze pervenute da front-office sono inoltrate agli enti terzi competenti.

Punti di forza: 

 

Il punto di forza è che il sistema è stato realizzato attraverso l'evoluzione di un'applicazione già presente in Regione (SUAP - Sportello Unico Attività Produttive) che era già utilizzata dai professionisti e da molti utenti di back-office. In questo modo l'impatto operativo è stato praticamente nullo e gli utenti finali (principalmente professionisti) hanno avuto bisogno di pochissime giornate di formazione per agire immediatamente sull'applicazione.

Principali criticità: 

 

Le principali criticità si sono avute solamente nelle fasi inziali in cui vi è stato un parallelismo tra la possibilità di presentazione delle istanze in cartaceo ed in forma digitale. Gli uffici dei Geni Civili hanno dovuto gestire in parallelo due modalità.

Lezioni: 

 

È ragionevole a questo punto recuperare l’esperienza fatta con le progettazioni già realizzate tali da uniformare i servizi verso un unico driver per digitalizzare tutti servizi della PA, sfruttando gli standard di interoperabilità ed il modello funzionale già maturato negli interventi precedenti per usarlo come contenitore di tutte le informazioni della PA che riguardano un cittadino, invece di continuare a produrre decine di fascicoli settoriali (fascicolo elettronico dello studente, fascicolo delle pratiche edilizie, fascicolo previdenziale, cartella sociale informatizzata, fascicolo del dipendente, ecc).

Trasferibilità: 

 

Il progetto è sviluppato totalmente su un'infrastruttura tecnologia open-source a microservizi (Docker) ed il codice sorgente dell'applicazione è di proprietà della Regione Abruzzo.

Il progetto è sviluppato in ottica multi-tenant in modo che possa essere facilmente configurato e replicato ad uso delle singole amministrazioni territoriali che comunque hanno già a disposizione un’area dedicata e personalizzabile.

Supporto: 
  • Testimonial/relatore nell’ambito di seminari o laboratori per scambio di esperienze
Modalità di scambio attivabili
Seminari e Laboratori
Per ottenere maggiori informazioni sulle modalità di trasferimento di questa esperienza o per essere messi in contatto con i referenti

Compila il form per ottenere maggiori informazioni e chiedere di partecipare a seminari, webinar informativi, laboratori o attività di coaching.

Ho letto l'informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati nei termini di quanto ivi contenuto.
Catalogo delle Esperienze OT11-OT2
> Regione Sardegna
Ecosistemi
Servizi digitali
> Regione Sardegna
Ecosistemi
Servizi digitali
> Regione Puglia
Ecosistemi
Riorganizzazione dei processi e dei servizi
> Regione Liguria
Ecosistemi
> Regione Toscana
Qualità dei servizi e delle prestazioni
Riorganizzazione dei processi e dei servizi
> Regione Liguria
Ecosistemi
Semplificazione delle procedure