Sindaci e associazionismo comunale protagonisti al FORUM PA

Pubblicato il
17 Maggio 2019
Aree_Interne_collage_foto_FORUM_PA_
Riferimento Progetto: 

Ritmo serrato ma denso di contenuti quello che ha animato il seminario La Strategia nazionale per le aree interne: quali azioni per il rafforzamento dei sistemi intercomunali organizzato dal Formez PA nell’ambito ella edizione 2019 del FORUM PA. Protagonisti sei referenti di altrettante aree impegnate nella Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI). Comprensori in diverse stadi dell’iter SNAI, alcuni già in fase di attuazione.

I sindaci presenti hanno illustrato ad una sala gremita le loro esperienze di riorganizzazione dei servizi comunali sollecitati da Clelia Fusco, responsabile del progetto del Dipartimento della Funzione Pubblica, La Strategia Nazionale per le Aree interne e i nuovi assetti istituzionali, attuato dal Formez PA, finalizzato a supportare i comuni nella costruzione di sistemi integrati per la gestione di funzioni pubbliche che rappresenta la condizione per l’ammissibilità alla SNAI.

Sauro Angeletti, del Dipartimento della Funzione Pubblica, ha sottolineato il valore paradigmatico del progetto perché “fa leva sul miglioramento della performance di piccole amministrazioni che sono quelle in maggiore difficoltà”.

Le diverse soluzioni associative raccontate dai primi cittadini per l’assolvimento del requisito richiesto dalla SNAI rispecchiano le storie dei territori che le hanno elaborate inducendoli a scelte che potessero recuperare o, laddove necessario, azzerare situazioni precedenti.  Tutti, comunque, si sono detti concordi nel riconoscere alla gestione associata il valore di motore da cui trarre la spinta per impegnarsi nella Strategia. “Abbiamo la consapevolezza che senza servizi associati – ha dichiarato Carlo Ferrari, sindaco capofila dell’area Appennino Lombardo Oltrepò Pavese – il territorio non avrebbe potuto gestire un progetto così importante come la SNAI”. Accordo anche nella critica alle lungaggini burocratiche e alla politica piegata alla logica dei numeri penalizzante per aree fragili come quelle interne a cui si richiedono le stesse prestazioni di quelle urbanizzate, ma si negano servizi che, in quei territori, sono considerati economicamente insostenibili.

Su questa linea anche Francesco Monaco, dell’ANCI e Sabrina Lucatelli del Dipartimento per le politiche di coesione e coordinatrice SNAI che sono intervenuti in chiusura del seminario insieme a Carla Cosentino dell’Agenzia per la Coesione Territoriale. La Cosentino ha definito la SNAI “un’esperienza illuminante”. “L’associazionismo – ha dichiarato – gioca un ruolo importantissimo, è l’elemento che fa la differenza”. Sabrina Lucatelli, a cui sono state affidate le conclusioni della giornata, ha chiesto a tutti gli attori istituzionali di supportare i sindaci perché “le aree interne non sono un’altra Italia, ma un pezzo importante dell’Italia” e ha espresso grande soddisfazione per la scommessa che Dipartimento per le politiche di coesione e Dipartimento della Funzione Pubblica hanno fatto insieme sulla SNAI.

Aree Interne_FORUM_PA_foto