Open data, in aumento del 10% i dataset delle pubbliche amministrazioni

Pubblicato il
11 Giugno 2018
Open data government
Riferimento Progetto: 

Si rafforzano le politiche di valorizzazione del patrimonio informativo pubblico: nel 2017 cresce il numero dei dati in formato aperto messi a disposizione di cittadini e imprese. Su dati.gov.it online la nuova versione del Paniere dinamico dei dataset.

In un anno la quantità di dataset resi disponibili dalle pubbliche amministrazioni è cresciuta di circa il 10%.
Aumentano, dunque, i dati che le PA mettono a disposizione di cittadini e imprese secondo il paradigma degli open data.
La rilevazione, relativa al 2017, segnala che attualmente la percentuale di banche dati pubbliche in formato aperto ammonta al 55,5% contro il 45,68% registrato nel 2016.

L’indagine è stata condotta utilizzando come strumento di misurazione il Paniere dinamico dei dataset, oggi online sul Portale nazionale dei dati aperti.
Il Paniere, aggiornato annualmente dall’AgID, rappresenta lo strumento attraverso cui è possibile misurare quanto le pubbliche amministrazioni sono in linea con gli obiettivi dell’Accordo di Partenariato 2014-20 in materia di open data.
Tra gli obiettivi fissati dall’Accordo vi è, infatti, proprio quello di aumentare la trasparenza, l’interoperabilità e l’accesso ai dati pubblici. Un impegno assunto dall’Italia e ribadito anche attraverso il Piano triennale e l’Action Plan dell’Open governement partnership.

Il Paniere dinamico di dataset può essere considerato un elemento di monitoraggio che dovrà essere ulteriormente migliorato - in termini di dataset da rendere accessibili - alla luce del prossimo Action Plan 2018-2020 e del previsto aggiornamento della Direttiva europea sul Riutilizzo dell'Informazione del settore pubblico (Direttiva PSI), che incoraggia gli Stati membri a rendere disponibili per il riuso le informazioni prodotte dalle pubbliche amministrazioni.
Il Paniere dinamico di dataset 2017 e la relativa nota metodologica possono essere visualizzati e scaricati attraverso la pagina dedicata del Portale nazionale dei dati aperti.