Regione Basilicata

POR FSE - Asse IV Rafforzare la capacità istituzionale e amministrativa

Risultato Atteso Numero progetti Impegni giuridicamente vincolanti Pagamenti
11.1 1 2.421.220,00 95.151,00
11.3 4 1.250.560,00 8.866,45
Totale 5 3.671.780,00 104.017,45

Fonte: Dati IGRUE

Programmato

Dotazione finanziaria: € 13.638.112,00

Risultato Atteso AdP/Obiettivo specifico e relative azioni

11.1.1 - Interventi mirati allo sviluppo delle competenze per assicurare qualità, accessibilità, fruibilità, rilascio, riutilizzabilità dei dati pubblici [anche attraverso modalità collaborative e online] e promozione di sforzi mirati e adattamenti organizzativo-professionali, orientati al rilascio continuativo e permanente di dati in possesso di enti pubblici territoriali

 

11.1.2 - Progetti di Open Government per favorire trasparenza, collaborazione e partecipazione realizzati tramite il coinvolgimento di cittadini/stakeholder e iniziative per il riutilizzo dei dati pubblici, la partecipazione civica e il controllo sociale

[Le iniziative riguarderanno settori rilevanti (es. beni confiscati e altri da individuare anche con il contributo degli stakeholder), saranno realizzate in modalità integrata dalla selezione e pubblicazione dei dati sino al loro utilizzo e potranno essere basate sul modello Open Coesione. In particolare: iniziative per il riutilizzo dei dati, la partecipazione civica e il controllo sociale promosse principalmente dalla società civile e dagli stakeholders.]

 

11.1.3 - Miglioramento dei processi organizzativi per una migliore integrazione e interoperabilità delle basi informative, statistiche e amministrative, prioritariamente Istruzione, Lavoro, Previdenza e Servizi Sociali, Terzo Settore, Interni ed Affari Esteri e Pubbliche Amministrazioni

La programmazione delle attività è svolta sulla base della Agenda Digitale Basilicata, in stretta relazione servente verso le misure proprie del POR FESR.

Le Azioni vengono dettagliate introducendo i principi del Codice dell’Amministrazione Digitale Italiana, partendo da quelli già in uso (posta elettronica certificata, trasparenza dei siti pubblici, Agenda Digitale Regionale e portale Open Data ecc.)

Sono in particolare sostenuti, attraverso interventi a natura professionale, organizzativa e di partecipazione:

  • lo sviluppo ampio e diffuso di sistemi e modalità open data
  • l’approntamento dei “pilastri” dell’agenda digitale nazionale (anagrafe unica nazionale, fatturazione elettronica, identità digitale)
  • i processi di e-democracy, rivolti al sistema di controllo strategico delle politiche regionali, alla consultazione pubblica, all'e-petitioning
  • l’implementazione di azioni di capacitazione (formazione del personale, comunicazione ai cittadini, aggiornamento) a supporto del Fascicolo Sanitario Elettronico, inserito in una specifica Azione del PO FESR Basilicata; la gestione della disabilità nelle varie forme di residenzialità e il Case Management per pazienti fragili
  • lo sviluppo del portale cartografico, anche in modalità aperta (Open Street Map), con diverse  linee di servizio, che permetta un migliore controllo del territorio e l’offerta di servizi innovativi, in particolare se finalizzati alla prevenzione e gestione del rischio ambientale, idrogeologico e sismico
  • l’innovazione digitale del sistema scolastico, in modo integrato con il PON MIUR
  • l’implementazione di sistemi pubblici a favore dello sviluppo dell’imprenditorialità

11.3.2 - Definizione di standard disciplinari di qualità del servizio, sviluppo di sistemi di qualità, monitoraggio e valutazione delle prestazioni e standard di servizio

 

11.3.3 - Azioni di qualificazione ed empowerment delle istituzioni, degli operatori e degli stakeholders [ivi compreso il personale coinvolto nei sistemi di istruzione, formazione, lavoro e servizi per l’impiego e politiche sociali, il personale dei servizi sanitari, il personale degli enti locali (ad es. SUAP e SUE), delle dogane, delle forze di polizia]

 

11.3.4 - Azioni di rafforzamento e qualificazione della domanda di innovazione della PA, attraverso lo sviluppo di competenze mirate all’impiego del “Pre-commercial public procurement”

 

11.3.6 - Azioni di sviluppo e rafforzamento della collaborazione in rete interistituzionale e di coinvolgimento degli stakeholders, con particolare riferimento ai servizi sociali, ai servizi per l’impiego, ai servizi per la tutela della salute, alle istituzioni scolastiche e formative

Sono contenuti di azione:

  • la consulenza all’analisi e allo sviluppo normativo, metodologico, procedurale, strumentale ed organizzativo, in modo integrato alle azioni rivolte alla riduzione degli oneri amministrativi regolatori sostenute anche dal PON Governance
  • i progetti di empowerment di istituzioni, operatori e stakeholder, ivi compreso il personale coinvolto nei sistemi di istruzione, formazione, lavoro e servizi per l’impiego e politiche sociali, servizi sanitari ed enti locali, anche riguardo la presa delle decisioni ed i sistemi di accreditamento. In particolare vengono istruite Azioni per l’efficientamento della giustizia civile, in stretta sinergia con il PON Legalità e le azioni ad esso connesse
  • la realizzazione, l’integrazione e l’upgrade di sistemi informativi a supporto della programmazione, dell’attuazione e del controllo degli interventi
  • l’innovazione, anche a carattere sperimentale, delle modalità di ricorso al mercato tramite l’approccio del PCP - Pre-commercial public procurement
  • la formazione del personale della PA interessata dallo sviluppo normativo, metodologico, procedurale, strumentale ed organizzativo. In particolare vengono istruite Azioni per la formazione del personale della Pubblica Amministrazione su VIA, VAS3, VINCA, e sulle norme della direttiva Habitat4
  • il rafforzamento delle reti fra PA e stakeholder
  • formazione dei volontari degli Enti preposti alla prevenzione e gestione dei rischi: Protezione Civile, associazioni di volontariato, donatori di sangue, ma anche ordini professionali dei geologi, degli ingegneri del territorio ecc.

 

POR FESR - Asse II Agenda Digitale

(Non sono presenti informazioni e dati di dettaglio sulla programmazione e attuazione  del R.A. 2.1 in quanto le iniziative relative alla BUL non rientrano tra gli ambiti di monitoraggio del CdP)

Risultato Atteso Numero progetti Impegni giuridicamente vincolanti Pagamenti
2.2 1 213.500,00 103.814,40
Totale 1 213.500,00 103.814,40

Fonte: Dati IGRUE

Programmato

Dotazione finanziaria: € 98.300.000,00
(Importo comprensivo della dotazione finanziaria relativa al R.A. 2.1 - Banda Ultra Larga)

Risultato Atteso AdP/Obiettivo Specifico PO e relative azioni

2.1 - Riduzione dei divari digitali nei territori e diffusione di connettività in banda ultra larga ("Digital Agenda" europea)

2.2.1 - Soluzioni tecnologiche per la digitalizzazione e innovazione dei processi interni dei vari ambiti della Pubblica Amministrazione nel quadro del Sistema pubblico di connettività quali ad esempio la giustizia (informatizzazione del processo civile10), la sanità, il turismo, le attività e i beni culturali, i servizi alle imprese
[Gli interventi dovranno garantire i necessari standard di sicurezza e protezione di dati, anche razionalizzando i Data Center Pubblici e gestendo i dati in cloud computing tramite soluzioni green]
(Complementarietà con OT11 per le relative azioni di capacitazione e accompagnamento alla progettazione)

L’azione si focalizzerà sulla realizzazione della cosiddetta “Pubblica Amministrazione digitale” attuando soluzioni tecnologiche per l’innovazione dei processi interni ai vari ambiti della Pubblica Amministrazione nel quadro del Sistema pubblico di connettività. L’attenzione sarà focalizzata sull’innovazione dei processi incentrati sull’utilizzo estensivo dell’ICT, al fine di ottimizzare l’efficienza e la dinamicità degli stessi, con interventi che saranno messi in campo prevalentemente in settori quali la sanità e la PA Locale.

Sebbene le iniziative ipotizzate riguarderanno prevalentemente i processi interni alla P.A., esse avranno significativi benefici anche nei rapporti tra amministrazione e cittadino. A titolo esemplificativo si fa riferimento alla realizzazione di soluzioni tecnologiche per la digitalizzazione e la dematerializzazione dei processi amministrativi anche fondati sull’interscambio di dati e la realizzazione, di azioni connesse allo sviluppo della Sanità Digitale.

In particolare l’azione intende intervenire:

  • sulla diffusione dell’innovazione digitale nei processi sanitari così come intesa nel documento di Strategia Nazionale per la Crescita Digitale 2014- 2020. In particolare si prevede la realizzazione completa del Fascicolo Sanitario Elettronico; il rafforzamento del sistema informativo socio-sanitario introducendo sistemi di Patient Workflow Management e Patient Relationship Management, introduzione del taccuino dell'assistito, sistemi di prenotazione e pagamento multi-attore integrati e multicanale (call center, on-line e via web, Applicazioni mobili ecc.)
  • la dematerializzazione, conservazione sostitutiva, del processo di prescrizione e produzione della documentazione sanitaria a supporto degli assistiti e degli operatori sanitari e della medicina di base (referti, dossier clinici, dossier ospedalieri, dossier farmaceutici, dossier di patologia, etc) accelerando i processi di integrazione dei sistemi informativi ospedalieri e territoriali. Evoluzioni di nuovi modelli organizzativi e strumenti per la razionalizzazione dei sistemi informativi sanitari finalizzati alla continuità operativa e al disaster recovery
  • l’implementazione dei servizi digitali mediante un percorso di razionalizzazione e definizione di 1 data center avanzato e funzionale alla condivisione di dati tra Amministrazioni pubbliche, nonché alla conservazione digitale in piena sicurezza ed alla possibilità di erogare servizi secondo il paradigma del cloud computing e della circolarità anagrafica

 

2.2.2 - Soluzioni tecnologiche per la realizzazione di servizi di e-Government interoperabili, integrati (joined-up services) e progettati con cittadini e imprese, e soluzioni integrate per le smart cities and communities (non incluse in OT4)
[I servizi valorizzeranno la logica del riuso e sostenendo l’adozione di applicazioni informatiche comuni fra più amministrazioni]

L’azione si concentrerà sulla realizzazione di servizi innovativi destinati ai cittadini e al mondo delle imprese. L’azione intende agire sul fronte della domanda e dell’offerta di servizi digitali, realizzando interventi a favore dell’e-procurement e dell’e-government finalizzati a ridurre costi e tempi dei procedimenti ed a semplificare il rapporto con la PA.

L’azione si concentrerà innanzitutto sulla realizzazione di servizi in rete pienamente interattivi connessi al data center di cui all’azione precedente, quali:

  • sistemi di e-procurement sia a favore della costituenda Stazione Unica Appaltante che degli enti strumentali e locali (es.centrali di committenza a servizio di più Comuni)
  • sistemi di fatturazione elettronica ed e-payment nei quali la Regione Basilicata possa fungere da HUB infrastrutturale e tecnologico per tutte le PP.AA. locali
  • sistemi di e-government e sviluppo di soluzioni tecnologiche per i servizi a cittadini e imprese, in un’ottica di qualificazione del processo di semplificazione delle relazioni con la PA Locale (riduzione di tempi e costi delle procedure in materia di edilizia, rilascio titoli abilitativi, digitalizzazione delle procedure per altri servizi locali ai cittadini etc. previste nell’Agenda per la Semplificazione 2015-2017). Si sosterrà anche lo sviluppo delle azioni previste all’interno del Centro regionale di competenza (in fase di costituzione) finalizzate a supportare le amministrazioni locali nella realizzazione di soluzioni orientate ad una piena digitalizzazione e dematerializzazione dei processi organizzativi e delle procedure amministrative, nell’ottica di migliorare e standardizzare i servizi agli utenti (certificazioni, autorizzazioni, deposito richieste, flussi documentali ecc.) ed elevare il livello di interazione on-line fra PA locale, imprese e cittadini
  • implementazione del documento informatico unico del cittadino, mediante diffusione e potenziamento dell’identità digitale del cittadino

L’azione presterà particolare attenzione al rispetto degli standard e delle soluzioni individuate a livello nazionale, nonché alla valorizzazione della logica del riuso, sostenendo l’adozione di applicazioni informatiche comuni fra diverse pubbliche amministrazioni.