Lavoro agile

per il futuro della PA

Promuovere interventi di miglioramento organizzativo e manageriale per favorire l’erogazione dei servizi a vantaggio dei cittadini e per sostenere una PA più efficiente, moderna e organizzata, abbattendo i costi generali e aumentando la produttività e la motivazione del personale.

Il progetto consiste nella realizzazione di un’articolata azione di sistema sul tema della conciliazione vita-lavoro che, in coerenza con la L. 124/2015 (c.d. Riforma Madia) in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche, prevede la sperimentazione di nuove modalità spazio-temporali di svolgimento della prestazione lavorativa. L’adozione di modalità di lavoro flessibili è, infatti, un fattore fondamentale per rendere possibile la conciliazione tra vita familiare e professionale delle donne e degli uomini, costituendo il primo passo anche per una più equa suddivisione dei compiti di assistenza e cura familiare.

Le attività del progetto prevedono:

  • analisi delle esperienze più significative in tema di lavoro agile realizzate, a livello pubblico e privato, sia in ambito nazionale che internazionale;
  • individuazione di percorsi operativi di lavoro flessibile e la realizzazione di progetti pilota per la sperimentazione nella PA di forme agili di organizzazione del lavoro nello spazio e nel tempo; la definizione di manuali e documenti;
  • attivazione di una rete a supporto dell’azione di sistema e attività di informazione e comunicazione.

È in corso di realizzazione un servizio di approfondimento normativo per l’applicazione del lavoro “agile” nelle PA. L’attività consta di un’analisi degli aspetti legati alla contrattualistica, con particolare riferimento alle modalità con cui viene regolamentato l’inserimento del singolo lavoratore/trice in modalità di lavoro “agile”. Inoltre, verrà esaminato il tema della tutela della salute e della sicurezza del/la lavoratore/trice con un approfondimento specifico sulle policy e sulle procedure da adottare sia da parte dell’amministrazione che del/la lavoratore/trice.

Parallelamente è stato avviato anche un servizio di approfondimento sulle esperienze più significative sul tema del lavoro “agile” realizzate a livello pubblico e privato, sia in ambito nazionale sia internazionale. L’attività mira a realizzare una mappatura, a livello nazionale, delle esperienze condotte da pubbliche amministrazioni e da aziende private in tema di lavoro agile (smartworking, co-working). A livello internazionale, oltre alla mappatura delle esperienze condotte in ambito europeo, verranno analizzate due esperienze significative in relazione agli obiettivi raggiunti e, in particolare, in termini di rafforzamento dell’azione amministrativa e miglioramento della qualità della vita del personale dipendente. In tal senso si intende costruire una base conoscitiva utile ai fini dello sviluppo di azioni pilota nonché alla costruzione di una vision complessiva sui benefici ottenibili a livello collettivo ed individuale grazie all’attivazione di esperienze di lavoro “agile”.

La consegna dei due prodotti finali è prevista entro il mese di ottobre 2017.

È in corso di affidamento tramite gara europea un servizio di supporto metodologico operativo all’attuazione del progetto. Le attività  riguardano l’individuazione di percorsi operativi di smartworking per la PA, la realizzazione di progetti pilota per la sperimentazione di percorsi di smartworking nella PA nonché tutte le iniziative di informazione, sensibilizzazione e comunicazione (compreso sito web e piattaforma interattiva).

Inoltre, ai fini dell’individuazione delle PA che sperimenteranno percorsi di lavoro “agile”,  il DPO ha emanato in data 11.04.2017 un Avviso pubblico per la raccolta di manifestazioni di interesse da parte delle Pubbliche Amministrazioni, centrali, regionali e locali che intendono partecipare al progetto.  

In esito all’Avviso (è in fase conclusiva l’analisi delle candidature):

  • per 15 Amministrazioni, come indicato nell’Avviso in questione, sarà fornito dal Dipartimento un supporto personalizzato, anche attraverso incontri ad hoc e attività dedicate;
  • a ulteriori 10 Pubbliche Amministrazioni, tra le candidate, che abbiano già avviato autonomamente percorsi di lavoro agile sarà garantito un supporto specifico per le fasi di monitoraggio e valutazione delle sperimentazioni;
  • le restanti PA candidate saranno, invece, supportate con l’ausilio della citata piattaforma interattiva nella quale verrà garantito lo scambio di informazioni, esperienze concrete e documentazione utile all’implementazione di iniziative di lavoro “agile”.

Infine, sono stati realizzati il logo di progetto e la linea grafica correlata con i relativi gadget di progetto.

 

In breve

Lavoro agile
Beneficiario: 
Dipartimento per le Pari Opportunità
Destinatari: 
Amministrazioni pubbliche centrali, regionali e locali
Ambito Tematico: 
Lavoro pubblico
Durata: 
44 mesi
Risorse Assegnate: 
€ 5.500.000,00